Bonifica ed escavo fondali del molo Fornelli Est

STATO: COMPLETATO

Dopo l’inserimento del Golfo della Spezia nel sito di interesse nazionale della discarica di Pitelli, poi recentemente trasformato in sito di interesse regionale, l’Autorità Portuale ha proceduto alla caratterizzazione dei fondali del Golfo ed a sviluppare progetti di bonifica nelle aree del porto per le quali erano già previste attività di dragaggio. Tra detti progetti anche quello inerente i fondali del molo Fornelli di levante, con previsione di asportazione di circa 130 mila metri cubi di materiale, di cui 35 mila circa inquinato da metalli pesanti e idrocarburi, da conferire in apposite vasche di colmata a Piombino. Il progetto prevede l’impiego di draghe con benna ecologica e l’utilizzo di panne galleggianti munite di teli in poliestere resinato ad alta resistenza per contenere la dispersione di particelle solide messe in sospensione dall’attività di escavo, nonché un piano di monitoraggio ambientale per rilevare eventuali dispersioni di inquinanti negli specchi acquei circostanti.

Obiettivi dell’intervento:

  • Bonifica dei fondali asserviti all’accosto di levante del molo Fornelli dopo la caratterizzazione eseguita in collaborazione ad ISPRA (ex ICRAM), Arpal e Regione Liguria;
  • Conferimento dei materiali di risulta in vasche di colmata per riutilizzo degli stessi in ambito marittimo secondo le normative vigenti;
  • Approfondimento dei fondali a – 15,00 mt dal livello medio mare per consentire l’accosto di navi portacontainer di ultima generazione (16.000 Teus).